Follow us on Twitter Subscribe to our RSS feed

(ANSA) - CATANZARO, 4 MAG - Il Garante dell'infanzia e dell'adolescenza della Regione Marilina Intrieri ha scritto all'Azienda sanitaria di Vibo Valentia chiedendo di essere immediatamente informata "se sulla tipologia di problematica insorta al momento della nascita in Maria Pia, la neonata morta il 28 aprile mentre veniva trasferita in ambulanza dall'ospedale di Vibo Valentia a quello di Catanzaro, crisi asfittica perinatale - notizia riportata dagli organi di stampa, sia stato preso contatto con l'unico centro attrezzato in Calabria, presso l'ospedale di Cosenza, per le terapie adeguate da effettuarsi, entro le previste sei ore, come da protocolli". Il Garante dell'infanzia ha chiesto all'ufficio del commissario per il Piano di rientro in sanita', direzione generale tutela della salute dalla Regione, di sapere quanti siano i posti di terapia intensiva neonatale realmente funzionanti nei reparti di neonatologia delle aziende ospedaliere calabresi, alla luce delle molteplici segnalazioni svolte. "Nelle sole province di Catanzaro e Crotone, sui previsti dodici posti letto, risultano funzionanti - e' scritto in una nota - solo quattro posti di terapia intensiva, con evidente violazione dei diritti minorili fondamentali". Intrieri ha chiesto anche se tale situazione sia da collegarsi a carenze tecniche o strutturali o di turnover del personale medico o paramedico. "In ogni caso - prosegue la nota - va garantito il diritto alla vita, alla salute ed alle prestazioni sanitarie, diritti costituzionalmente garantiti che nessun Piano di rientro puo' violare". "Con riferimento alla morte di Maria Pia - afferma Intrieri - ho chiesto che mi venga trasmessa copia della cartella clinica costituendo registrazione di notizie in grado di documentare ogni elemento medicalmente rilevante sino alla dichiarazione di morte della bambina. Documento da intendersi atto di garanzia della tutela del diritto alla salute e alla vita di ogni individuo nelle due specifiche connotazioni sanitaria e giuridica". "La documentazione che l'Autorita' Garante ha richiesto - conclude il comunicato - e' al fine di vigilare sull'effettiva tutela e realizzazione dei diritti immanenti, di cui Maria Pia era titolare". (ANSA). COM-LE/FLC 04-MAG-15 17:20 NNNN 

Neonata morta a Vibo, Intrieri scrive all'Asp e a Scura

Il Garante dell'infanzia e dell'adolescenza chiede di sapere se al momento della nascita sia stato contattato l'unico centro attrezzato, quello di Cosenza, per le terapie da effettuarsi entro le previste sei ore

 

CATANZARO Marilina Intrieri, Garante dell'infanzia e dell'adolescenza della Regione Calabria, interviene sulla vicenda della neonata venuta alla luce all'ospedale di Vibo e morta mentre si staava tentando di trasferirla in ambulanza al Pugliese-Ciaccio di Catanzaro. Intrieri ha scritto all'Azienda sanitaria di Vibo chiedendo di essere immediatamente informata «se sulla tipologia di problematica insorta al momento della nascita in Maria Pia (crisi asfittica perinatale) sia stato preso contatto con l'unico centro attrezzato in Calabria, presso l'ospedale di Cosenza, per le terapie adeguate da effettuarsi, entro le previste sei ore, come da protocolli». Il Garante dell'infanzia ha inoltre chiesto all'ufficio del commissario per il piano di rientro sanitario e alla direzione generale del dipartimento Tutela della salute di sapere quanti siano i posti di terapia intensiva neonatale realmente funzionanti nei reparti di neonatologia delle aziende ospedaliere calabresi. «Nelle sole province di Catanzaro e Crotone, sui previsti dodici posti letto, risultano funzionanti – scrive Intrieri – solo quattro posti di terapia intensiva con evidente violazione dei diritti minorili fondamentali». Il Garante ha chiesto se tale situazione sia da collegarsi a carenze tecniche o strutturali o di turnover del personale.
«Con riferimento alla morte di Maria Pia – spiega ancora Intrieri – ho chiesto di aver trasmessa copia della cartella clinica costituendo registrazione di notizie in grado di documentare ogni elemento medicalmente rilevante sino alla dichiarazione di morte della bambina. Documento da intendersi atto di garanzia della tutela del diritto alla salute e alla vita di ogni individuo nelle due specifiche connotazioni: sanitaria e giuridica

fotocartcilol