foto intrieri

UNIVERSITA’ DI TRIESTE : SEMINARIO FORMAZIONE “ I POLI DI INNOVAZIONE (2010)

counkr

CONSORZIO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA E DEGLI STUDI

UNIVERSITARI DI CROTONE S.p.A.

SABATO 11 DICEMBRE 2010 ORE 9,30

SEMINARIO DI STUDIO

I POLI DI INNOVAZIONE

SEDE DEL CONSORZIO UNIVERSITARIO

VIA PER PAPANICE CROTONE

ore 9.30: Registrazione partecipanti

Saluti: Peppino Vallone - Sindaco del Comune di Crotone

Introduce : Stano Zurlo - Presidente della Provincia di Crotone

Modera: Ubaldo Prati    - professore Università di Catanzaro

Prima sessione: Finalità e opportunità dei Poli di Innovazione

Antonella Stasi:   Vice Presidente Regione Calabria

Franco Pugliano: Assessore Ambiente Regione Calabria

Marilina Intrieri:   Presidente del Consorzio Universitario Crotone

Interventi:

“la casa ecologica di Albenga”

-Giorgio Mallarino –  Presidente Federabitazione   Liguria                        

“generazione eolica d'altitudine”-

 Pietro Cambi -IngegnereKITE GEN

“come catturare l’energia dal mare”

Fabio Filianoti-Università MediterraneaReggio Calabria  


“Lo specchio lineare crea una nuova industria sostenibile”

 Hans  Grassmann-  università di Udine

"Energie rinnovabili: ricerca, produzione, e divulgazione"

Maurizio Fermelia-Direttore dipartimento   università di Trieste

                                                                                                 

I bandi dei poli di innovazione della regione Calabria:

Maria Bruni: Segretario Generale Parco scientifico Tecnologico Crotone –

Pierluigi Paoletti : Presidente Nazionale Arcipelago Scec –

Sessioni parallele di laboratori Tematici con interventi di Aziende, Enti di ricerca, Università:

-l’innovazione e la cooperazione nel settore dei beni culturali-

-l’innovazione e la cooperazione nel settore delle energie rinnovabili e    ambiente

 

 

Per davide:

aggiungi quanto segue dopo aver messo il bando sui poli che trovi sul sito della regione

Poli di Innovazione sono raggruppamenti d’imprese e di Organismi di Ricerca che operano per stimolare e attivare processi d’innovazione attraverso: l’interazione intensiva tra le Imprese e tra queste e gli Organismi di Ricerca; l’utilizzo in comune di installazioni (infrastrutture e attrezzature) per le attività di ricerca scientifica e innovazione tecnologica; lo scambio di esperienze e conoscenze; il trasferimento di tecnologie; la messa in rete e la diffusione delle informazioni tra le imprese che costituiscono il Polo